Sinagoga Spagnola


 

Interno della sinagoga Spagnola
Nel 1868, sul luogo della casa di preghiere ebraica più antica, chiamata „La vecchia scuola“, è stata costruita in stile mauricio, su progetto di Vojtěch Ignác Ullman, la sinagoga Španělská (Spagnola). La pianta centrale è quadrata e ha una cupola che sormonta lo spazio centrale. Sui tre lati, sorrette da strutture metalliche, vi sono balconate aperte verso la navata centrale. Arabeschi in stucco e motivi orientali stilizzati si alternano sulle pareti e nelle decorazioni lignee delle porte, delle ringhiere e delle balconate. Le vetrate colorate e le decorazioni interne, eseguite su progetti degli architetti A. Baum e B. Münzberger, sono state portate a termine nel 1893. Nella vecchia sinagoga, sul cui luogo è sorto nel 1868 l’edificio attuale, lavorò come suonatore d’organo tra il 1836 ed il 1845 František Škroup, compositore dell’inno nazionale ceco.
La seconda parte dell’esposizione Storia degli Ebrei in Boemia e Moravia – dagli inizi dell’emancipazione fino ad oggi, collegandosi all’esposizione ospitata alla sinagoga Maiselova, descrive la storia della Comunità Ebraica Ceca all’epoca dell’illuminismo e dell’emancipazione, ai tempi dell’Austria-Ungheria, della Prima Repubblica Cecoslovacca (1918–1938), del Protettorato tedesco Boemia e Moravia (1938–1945) e dei decenni nel dopoguerra.
Il Museo Ebraico ha così portato a termine uno dei progetti più impegnativi riaprendo, dopo più di un ventennio, i battenti della sinagoga Spagnola in occasione del suo 130° anniversario.
 

 
» CLOSE WINDOW «